Vai ai contenuti
Lingua:
Italiano
English
Effettua il LOGIN al sito

 

Iscriviti alla newsletter della SGI per essere sempre aggiornato sulle ultime novità

Iscriviti qui >>

 

Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 27 (2013) - (DOI 10.3301/ROL.2013.17)

Classificazione genetica, caratteri petrologici distintivi e valori isotopici correlati di calcari incrostanti deposti da acque scorrenti (Travertini - Calcareous Tufa - Speleotemi)


Anna Gandin (*)


(*) Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente, Università di Siena . E-mail: gandinanna@gmail.com


I calcari continentali deposti da acque scorrenti si formano per lo più come croste di calcite in ambienti ipogei carsici (speleotemi) epigei fluvio-palustri (calcareous tufa) oppure epigei termali (travertini): tre diverse condizioni geomorfologiche e fisico-chimiche generate da acque di origine meteorica, ma con proprietà distinte dovute a differenti percorsi di circolazione e di ricarica, che sono messi in evidenza dalla distribuzione dei valori di δ13C e δ18O dei carbonati recenti, precipitati in questi tre sistemi. Le caratteristiche petrologiche degli speleotemi e calcareous tufa, influenzate essenzialmente dal clima, sono sufficientemente note mentre quelle dei travertini che sembrano prevalentemente controllate dall’attività tettonica, non sono state ancora completamente descritte. Gli speleotemi, (stalattiti e stalagmiti), sono depositi macrocristallini, compatti e finemente laminati, costituiti da cristalli di calcite colonnare a palizzata. I calcareous tufa sono corpi calcarei massicci e molto porosi, di calcite microcristallina (mudstone) contenente resti di microfite (colonie batteriche, facies stromatolitiche) e di macrofite (facies fitoermali e fitoclastiche). I travertini sono calcari compatti, ben stratificati e fittamente laminati che nella zona prossimale del sistema termale sono dominati da croste cristalline (feather–like crystals o fan/ray crystals) e nella parte distale da microbialiti (croste laminari, paper-thin rafts, puff pastry), associati ad aggregati a cespuglio (shrubs) e a bolle calcificate (coated bubbles). Lo studio comparato delle caratteristiche petrologiche ed isotopiche dei carbonati continentali in formazione nei loro ambienti deposizionali attuali, fornisce i criteri per l’attribuzione univoca di depositi antichi non più connessi con le acque/sorgenti alimentatrici.


TERMINI CHIAVE: travertini, calcareous tufa, speleotemi.

 



 

© Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra, Università «La Sapienza», Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma • Tel.: 06 4959390 • Fax: 06 49914154 • Mail: info@socgeol.it  C.F.80258790585