Vai ai contenuti
Lingua:
Italiano
English
Effettua il LOGIN al sito

 

Iscriviti alla newsletter della SGI per essere sempre aggiornato sulle ultime novità

Iscriviti qui >>

 

Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 30 (2014) - (DOI 10.3301/ROL.2014.08)

Modelli tematici 3D della copertura del suolo a partire da DTM e immagini telerilevate ad alta risoluzione WorldView-2

Pasquale Maglione (a) , Claudio Parente (a) , Raffaele Santamaria (a) , Andrea Vallario (a)


(a) Dipartimento di Scienze e Tecnologie, Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, Centro direzionale, Isola C4, 80143 Napoli.

E-mail: pasquale.maglione@uniparthenope.it


L’utilizzo integrato di layer tematici e DTM (Digital Terrain Model) rende possibile la realizzazione di modelli 3D in grado di fornire la visualizzazione contestuale della variabilità sia della morfologia sia di grandezze territoriali e/o ambientali. Le immagini ad alta risoluzione WorldView-2,presentando una ridotta dimensione del pixel a terra (0,5 m nel pancromatico e 2 m nel multispettrale) ed una elevata risoluzione spettrale (con 8 bande nella porzione di spettro elettromagnetico tra le lunghezze d’onde 400 nm e 1040 nm), permettono la realizzazione di carte della copertura del suolo molto dettagliate. La contestuale disponibilità di DTM con adeguato passo del grid consentirebbe di trasformare tali layer in modelli tematici digitali 3D di elevato dettaglio.

L’obiettivo di questo lavoro è la verifica delle accuratezze posizionale e tematica che possono essere conseguite nella costruzione di modelli tridimensionali della copertura del suolo con l’utilizzo di immagini WorldView-2. Viene presa in esame l’area Flegrea (in Campania), caratterizzata dalla particolare configurazione morfologica dovuta principalmente alla presenza di crateri ed edifici vulcanici. Ortorettificato il dataset di immagini mediante funzioni polinomiali razionali, si procede alla classificazione supervisionata (metodo della Massima Verosimiglianza) con l’individuazione di più classi. Gli indici ricavati dalla matrice di confusione (Producer Accuracy, User Accuracy, Overall Accuracy, Cohen Index)consentono di controllare l’accuratezza tematica. A partire da cartografia tecnica in scala 1:5.000 si costruisce il DTM utilizzato poi come base per la modellazione 3D della copertura del suolo.


TERMINI CHIAVE: Area Flegrea, DTM, immagini satellitari ad alta risoluzione, modelli tematici 3D, copertura del suolo, WorldView-2.


Risultati 0 - 0 di 0
    Nessun risultato.

© Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra, Università «La Sapienza», Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma • Tel.: 06 4959390 • Fax: 06 49914154 • Mail: info@socgeol.it  C.F.80258790585