Vai ai contenuti
Lingua:
Italiano
English
Effettua il LOGIN al sito

 

Iscriviti alla newsletter della SGI per essere sempre aggiornato sulle ultime novità

Iscriviti qui >>

 

Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 30 (2014) - (DOI 10.3301/ROL.2014.09)

3D reconstruction of the multi-layer aquifer in a Po Plain area

Rodolfo Perego (a), Tullia Bonomi (a), Maria Letizia Fumagalli (a), Valeria Benastini (a), Fulvia Aghib (b), Marco Rotiroti (a), Angelo Cavallin (a)


(a) DISAT, Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e del Territorio e Scienze della Terra - Università di Milano Bicocca

(b) CNR – IDPA (Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali), Milano


Ricostruzione tridimensionale dell’acquifero multi strato in un’area della Pianura Padana


Lo studio espone e descrive un metodo per la creazione di un modello fisico pienamente tridimensionale relativo agli acquiferi presenti all’interno di un’area compresa tra i fiumi Adda ed Oglio, partendo dall’inserimento e dalla creazione sia di superfici geologiche tratte da letteratura che create ex-novo a partire da dati stratigrafici e da studi geologici. Una volta definite e ricostruite le principali geometrie dei corpi geologici e sedimentari, a partire dalle quali è ricostruita la griglia stratigrafica di calcolo, lo studio propone una metodologia di ricostruzione della distribuzione tessiturale dei sedimenti (suddividendoli in termini fini, medi e grossolani), precedentemente utilizzata dal gruppo di ricerca di idrogeologia del DISAT (Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e del Territorio e Scienze della Terra - Università degli Studi di Milano Bicocca) che integra una grande quantità di dati disponibili, un buon dettaglio e un aggiornamento continuo delle informazioni. Le ricostruzioni create tramite questa procedura automatizzata (che risulta però molto flessibile ed applicabile per ogni acquifero, purché si disponga di sufficienti dati e di una sufficiente conoscenza geologica) si trovano in accordo con quanto riportato in letteratura, sia per quanto riguarda l’eterogeneità spaziale orizzontale dei depositi (da Nord a Sud e da Ovest ad Est) sia per quanto riguarda l’eterogeneità spaziale verticale (depositi continentali superficiali contro i depositi profondi di origine marina). Lo studio evidenzia come una ricostruzione della distribuzione tessiturale sia importante per un duplice motivo: da un lato permette di comprendere meglio le dinamiche deposizionali caratteristiche di una certa area studio, dall’altro permette, in un secondo momento, di stimare le proprietà idrogeologiche ed idrauliche dei depositi a fini di implementazione in modelli di flusso.

 

TERMINI CHIAVE: alluvial aquifer, Po Plain, textures, well database, hydrogeological modelling.



Risultati 0 - 0 di 0
    Nessun risultato.

© Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra, Università «La Sapienza», Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma • Tel.: 06 4959390 • Fax: 06 49914154 • Mail: info@socgeol.it  C.F.80258790585