Premio GIT Evaristo 'Ivo' Ricchetti

Il gruppo GIT (Geosciences and Information Technologies) – Sezione della Società Geologica Italiana ha istituito, a partire dall'anno 2011, il "Premio Ivo Ricchetti", per premiare la migliore comunicazione orale tenuta da giovani partecipanti ai convegni annuali del gruppo. Il premio è dedicato alla memoria del Prof. Evaristo "Ivo" Ricchetti, docente di Geologia Strutturale presso l'Università degli Studi di Bari, pioniere della Geoinformatica e del Telerilevamento che, con passione, svolgeva il suo lavoro di docente universitario fiducioso nella risorsa che i giovani costituiscono per lo sviluppo delle geoscienze, prematuramente scomparso nel 2005 all'età di soli 41 anni.

2019 - Melfi

VINCITRICE
Natalia Ferrantello

Motivazione: Il Premio 2019 (del valore di 1000 euro) è stato assegnato alla dott.ssa Natalia Ferrantello (Dipartimento di Ingegneria per l'Ambiente, la Terra e le Infrastrutture, Politecnico di Torino) per la presentazione "Modello accoppiato a supporto della progettazione di interventi di nanoremediation di acquiferi contaminati" - N. Ferrantello, C. Bianco, T. Tosco, A. Casasso, R. Sethi, con la seguente motivazione: "La commissione ha apprezzato l'originalità e l'innovazione dell'approccio metodologico, che è stato brillantemente presentato e rispecchia pienamente lo spirito della sezione Geoscienze e Tecnologie Informatiche GIT."

Una menzione speciale è andata a:
-Chiara Zuffetti (Dipartimento di Scienze della Terra "A. Desio", Università degli Studi di Milano) "Modelling complex tectono-sedimentary architectures at the southern margin of the Quaternary Po Basin (Italy)" - C. Zuffetti, R. Bersezio, A. Comunian.
-Costanza Gamberini (Dipartimento di Ingegneria per l'Ambiente, la Terra e le Infrastrutture, Politecnico di Torino) "Observation and modelling of large wood dynamics in braided rivers" - C. Gamberini, W. Bertoldi, V. Ruiz-Villanueva, M. Stoffel, E. Bladé.

2018 - Sarzana

VINCITRICE
Greta Bajni

Motivazione: per la presentazione Hydro-geotechnical modelling of Como subsidence sulla base dell'originalità, dell'innovazione dell'idea progettuale e dell'approccio metodologico proposto, della qualità tecnico-scientifica della ricerca, della valenza dei risultati raggiunti, delle prospettive e degli obiettivi futuri.

2017 - Gavorrano

VINCITORE
Andrea Brenna

Motivazione: per la comunicazione "Estimate of bedload transport in large gravel-bed rivers: comparing the virtual velocity and the morphological approach" – A. Brenna, N. Surian & L. Mao. La Commissione ha voluto premiare il Dr. Brenna con la seguente motivazione: "Data l'eccellente presentazione basata su un progetto di ricerca particolarmente innovativo che mira a migliorare la stima del trasporto di fondo in corsi d'acqua a fondo ghiaioso mediante l'utilizzo di originali tecniche di misure in campo e di telerilevamento multi temporale". Andrea Brenna ha conseguito nel 2015 la Laurea Magistrale in Scienze della Terra presso l'Università degli Studi di Milano.

2016

VINCITRICE
Federica Ferrari

Motivazione: per la comunicazione "Evolving rockfall hazard assessment" – F. Ferrari. La Commissione ha voluto premiare la dott.ssa Ferrari con la seguente motivazione: "La candidata ha presentato un lavoro complesso inerente la valutazione del pericolo di caduta massi in miniere di carbone a cielo aperto con applicazione ad un caso studio. Il lavoro si è dimostrato completo in merito alla metodologia proposta, all' analisi dello stato dell'arte, alla fase di modellazione ed all'applicazione al caso studio, caratterizzata quest'ultima da un coinvolgimento attivo di stakeholder locali per l'implementazione della metodologia proposta. Il Premio viene assegnato per l'elevato livello culturale e scientifico dimostrato, per la chiarezza e la qualità dell'esposizione, per la valenza applicativa e per l'esportabilità dell'approccio presentato".

2015 - San Leo

VINCITORE
Stefano Crema

Motivazione: per la presentazione "Improvement of a free software tool for the assessment of sediment connectivity, process identification and feature characterization in alpine catchments" – S. Crema, C. Lanni, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli.
La Commissione ha voluto premiare la chiarezza dell'esposizione di una tematica complessa, e soprattutto l'aver saputo finalizzare la ricerca effettuata nello sviluppo di un tool opensource in grado di aiutare ricercatori e decisori nell'affrontare un'importante tematica ambientale con ricadute multi-settoriali.

2014 - Montefalco

VINCITRICE
Giulia Bossi

Motivazione: per il suo intervento dal titolo "Addressing ground lithological variability for numerical modelling through a stochastic approach: the Mortisa landslide case study" – G. Bossi., G. Marcato, A. Pasuto & L. Borgatti.
La commissione ha apprezzato il carattere innovativo dell'argomento affrontato e delle metodologie utilizzate, nonché la chiarezza e il rigore scientifico dell'esposizione. In sintesi, la commissione ritiene che la presentazione di Giulia Bossi abbia ben espresso lo spirito del GIT e della sessione a cui ha partecipato.

2013 - Chiavenna

VINCITORE
Marco Minghini

Motivazione: per la presentazione "Web-based Participatory GIS with data collection on the field: a prototype architecture in two and three dimensions" - M.A. Brovelli, M. Minghini & G. Zamboni.
La Commissione unanime ha voluto premiare l'innovazione della ricerca, la capacità di esposizione e di sintesi, e i possibili sviluppi futuri che l'autore ha saputo presentare.

2012

VINCITORE
Francesco Notarangelo

Motivazione: per la comunicazione dal titolo "Multitemporal analysis of landslides in Motta Montecorvino and Volturino's areas, with photogrammetric methods (Foggia – Italy)".
La Commissione ha inteso di premiare i caratteri di innovazione, di qualità tecnico/scientifica, i risultati raggiunti e gli obiettivi futuri del lavoro proposto, frutto di una tesi di laurea, incoraggiando così il proseguimento dell'attività di ricerca.

2011

VINCITRICE
Alessia Viero

Motivazione: per aver presentato i risultati del suo Dottorato di Ricerca "Il gruppo Cinque Torri (Dolomiti Bellu-nesi): analisi dei fenomeni gravitativi attraverso tecnologie laser scanner e modellazione numerica" – A. Viero, Galgaro A., G. Teza, M. Massironi & N. Preto. La Commissione L'insieme dei risultati raggiunti fornisce un quadro nuovo e molto promettente per l'identificazione dei controlli strutturali e la comprensione dei processi agenti all'interno dell'area Cinque Torri, da cui un valido strumento per la valutazione e mitigazione del rischio.