Progetto CARG

Società Geologica Italiana

 Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

Onorevole dott. Sergio Costa

MATTM@Pec.minambiente.it

urp@minambiente.it

Al Dipartimento per il personale, la natura il territorio e il Mediterraneo

Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

DIPENT@Pec.minambiente.it

Al Presidente ISPRA

dott. Stefano Laporta

segreteria.presidenza@isprambiente.it

protocollo.ispra@ispra.legalmail.it

Al Direttore Generale ISPRA

dott. Alessandro Bratti

segreteria.direzione@isprambiente.it

protocollo.ispra@ispra.legalmail.it

Al Direttore del Dipartimento per il Servizio Geologico d'Italia – ISPRA

dott. Claudio Campobasso

claudio.campobasso@isprambiente.it

Alla Coordinatrice del Tavolo Tematico "CARG e Carte di pericolosità"

dott.ssa Maria Teresa Lettieri

maria.lettieri@isprambiente.it

Onorevole Ministro,

la Società Geologica Italiana ha accolto con grande entusiasmo e soddisfazione il nuovo finanziamento triennale per la ripresa del progetto CARG, dedicato alla realizzazione di fogli geologici con una cartografia moderna a scala 1:50.000, previsto dalla Legge di Bilancio 2020, su proposta unanime della Commissione Ambiente del Senato.  Ci preme sottolineare, tuttavia, che si tratta di un finanziamento decisamente limitato rispetto a quanto necessario per il completamento del Progetto CARG con la copertura di tutto il territorio nazionale.

L'auspicio di tutta la comunità geologica nazionale è che il progetto possa continuare nel tempo ed essere completato con la futura messa a disposizione di finanziamenti adeguati.

La Società Geologica Italiana ritiene che questa opportunità, che giunge 20 anni dopo l'ultimo finanziamento al progetto CARG, sia da gestire in modo ottimale, per mostrare alla società civile il contributo essenziale che la conoscenza geologica può fornire a chi deve occuparsi della gestione di un territorio fortemente vulnerabile come quello del nostro Paese. In particolare, diventa vitale che gli attori coinvolti nel progetto (Servizio Geologico d'Italia-ISPRA, Università, Enti di ricerca, Regioni e Provincie Autonome, rilevatori ed analisti) operino in maniera coordinata al fine di realizzare carte geologiche di elevata qualità e affidabilità.
 

La Società Geologica Italiana evidenzia alcuni elementi che ritiene possano essere utili come spunti di riflessione nella fase di pianificazione delle attività di realizzazione dei nuovi fogli.

In particolare, ci preme segnalare che:

1) risulta essenziale, per una valutazione positiva dell'attività, definire realisticamente (di modo che possano essere rispettati) i tempi di realizzazione, per evitare ritardi che si sono purtroppo manifestati nelle fasi precedenti del progetto CARG;

2) sia necessario considerare dei costi ragionevoli dei fogli, evitando una corsa al ribasso che potrebbe sì aumentare il numero di fogli finanziabili, ma rischierebbe di ridurne la qualità. L'esperienza CARG ha dimostrato che carte preesistenti rilevate con criteri diversi non possono essere semplicemente assemblate e digitalizzate per produrre una carta CARG, ma debbano essere riviste con l'obiettivo di produrre una carta geologica nazionale ufficiale secondo i criteri definiti da ISPRA. L'esperienza di chi ha continuato a realizzare fogli secondo i criteri CARG in questi anni può realisticamente servire come riferimento per la valutazione dei costi. A questo proposito, la Società Geologica Italiana ritiene che possa essere auspicabile un co-finanziamento da parte di Regioni e Provincie Autonome per integrare il finanziamento nazionale e quindi aumentare il numero dei fogli finanziabili;

3) si ritiene essenziale che l'attività di rilevamento venga svolta da laureati in Scienze Geologiche/Scienze della Terra, con attestata esperienza di rilevamento, previa valutazione delle loro capacità;

4) si garantisca un approccio rigoroso e scientifico alla realizzazione delle carte, con un adeguato investimento in analisi specifiche che possano garantire l'affidabilità delle carte, grazie anche al coinvolgimento di esperti specifici di problematiche legate agli aspetti geologici delle unità cartografate;

5) siano identificati i fogli geologici da rilevare secondo una priorità che tenga conto di problematiche di diversa natura, per garantire il coinvolgimento di competenze geologiche diverse sul territorio nazionale.

6) siano rese accessibili, in formato digitale, anche le carte geologiche di maggiore dettaglio prodotte per la realizzazione dei fogli geologici, strumenti utili per la pianificazione del territorio, la microzonazione sismica e tutti gli usi del caso.

7) sia data adeguata enfasi a tutte le applicazioni pratiche che possono derivare da una cartografia di base di buona qualità.

L'ulteriore auspicio della Società Geologica è che la comunità dei geologi italiani possa cogliere questa occasione di completare il progetto CARG garantendo una qualità elevata dei prodotti, al fine di dimostrare anche ai decisori politici, dati alla mano, la capacità della comunità geologica nel produrre un documento ufficiale quale la Carta Geologica d'Italia di grande utilità pratica per la pianificazione futura e l'utilizzo del territorio, giustificando così la necessità del completamento del Progetto CARG su tutto il territorio italiano.

Proprio a questo proposito, la Società Geologica Italiana in piena collaborazione con il Servizio Geologico d'Italia ha in corso, con una proposta che ha avuto luce lo scorso anno prima del finanziamento CARG, l'organizzazione di una scuola di rilevamento geologico che si terrà nel Luglio 2020, finalizzata al mantenimento dell'ottimo livello qualitativo legato alla nostra lunga tradizione cartografica e al raggiungimento dei livelli standard richiesti esplicitamente dal progetto CARG.

La Società Geologica Italiana sottolinea la propria sensibilità agli aspetti legati ad una cartografia moderna del territorio del nostro Paese e mette a disposizione della comunità geologica le competenze dei suoi soci per ogni possibile supporto ad iniziative che possano promuovere il completamento del progetto CARG.

SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA
                     ROMA
             IL PRESIDENTE

       (Prof. Sandro Conticelli)

Lettera del Presidente SGI per il progetto CARG