La Carta Geologica d'Italia - Molto più di un'immagine a colori

Società Geologica Italiana

LA CARTA GEOLOGICA – Uno strumento di conoscenza
La carta geologica rappresenta lo strumento fondamentale per la conoscenza del territorio, delle sue risorse e delle sue fragilità.
Questa mostra si propone di illustrare come venga prodotta una carta geologica, che tipo di informazioni contenga e come possa essere utilizzata per applicazioni pratiche con importanti ricadute sulla vita dei cittadini.
Sono state individuate cinque aree del territorio italiano con diverse caratteristiche e problematiche geologiche. Per ciascuna area viene raccontata la storia del miglioramento delle conoscenze geologiche, attraverso l'evoluzione e l'aggiornamento della cartografia geologica, evidenziando il contributo che tale miglioramento porta, non solo alla comunità scientifica, ma a tutta la società.
Lo scopo della mostra è quello di documentare come la conoscenza geologica sia una materia complessa che richiede la professionalità di geologi specificatamente preparati e come queste informazioni possano aumentare la capacità di corretta gestione del territorio: i costi della conoscenza del territorio hanno dei ricavi molto maggiori della ignoranza delle sue criticità.

LA CARTOGRAFIA GEOLOGICA IN ITALIA - Una storia incompiuta
Il territorio nazionale è interamente coperto da carte geologiche alla scala 1:100.000, prodotte tra la fine del 1800 e il 1976.
Dopo un avvio sperimentale nei primi anni '70, alla fine degli anni '80 è stato avviato il progetto CARG, un progetto di cartografia geologica alla scala 1:50.000 che si propone l'obiettivo di aggiornare e dettagliare maggiormente la conoscenza geologica del territorio italiano. Il progetto CARG prevede anche la realizzazione di una banca dati informatizzata, strumento essenziale per l'integrazione dei dati geologici con altre banche dati.
Purtroppo, dopo un inizio promettente, dall'anno 2000 il progetto non è più stato finanziato a livello nazionale. Per questo motivo non è stata completata la copertura del territorio nazionale e solo parte dell'Italia è attualmente dotata di una cartografia geologica dettagliata e aggiornata. Aree del territorio nazionale, come la zona di Amatrice, sono rimaste prive di questo strumento di conoscenza che potrebbe contribuire, in modo significativo, alla tutela del territorio.

UNA MOSTRA PER CAPIRE – Un percorso informativo e esempi di uso della cartografia geologica
La mostra è organizzata in sei diversi temi, ognuno illustrato con tre pannelli
Indice della mostra:

1A, B, C – La cartografia geologica: cos'è e come si realizza una carta geologica. Il percorso della mostra.
2A, B, C  – Geologia della Alpi. Tra Valtellina e Alto Adige. Dalle carte stampate alle banche dati.
3A, B, C  – Geologia delle aree pianeggianti. La Pianura Padana. Gli studi sulla liquefazione.
4A, B, C  – Geologia dell'Appennino Centrale. La piana del Fucino e L'Aquila. La microzonazione sismica.
5A, B, C  – Geologia di arre vulcaniche: il Vesuvio. La pericolosità vulcanica.
6A, B, C  – Geologia e interventi antropici: il Golfo di Taranto. La geologia dei fondali marini.

Scarica la locandina

 

Pannelli mostra in lingua italiana

PANNELLO 1A: Il contributo della Società Geologica Italiana all'Anno Internazionale della Cartografia
PANNELLO 1B: Le carte geologiche: come si fanno
PANNELLO 1C: Un percorso attraverso la cartografia geologica

PANNELLO 2A: Alpi Centrali: Unità Austroalpine - Gli albori della cartografia geologica
PANNELLO 2B: Alpi Centrali: Unità Austroalpine - La cartografia geologica ufficiale nel XX secolo
PANNELLO 2C: Alpi Centrali: Unità Austroalpine - Dalle mappe tipografiche alle banche dati digitali. Comprendere i processi geologici nel XXI secolo

PANNELLO 3A: Pianura Padana - Gli albori della cartografia geologica
PANNELLO 3B: Pianura Padana - La cartografia geologica ufficiale
PANNELLO 3C: Pianura Padana - Studi sulla liquefazione e geologia di sottosuolo

PANNELLO 4A: Appennino centrale: il Fucino e l'aquilano - Gli albori della cartografia geologica
PANNELLO 4B: Appennino centrale: il Fucino e l'aquilano - La cartografia geologica ufficiale
PANNELLO 4C: Appennino centrale: il Fucino e l'aquilano - Dal Progetto CARG alla microzonazione sismica

PANNELLO 5A: Vulcani In Italia: il Vesuvio - Gli albori della cartografia geologica
PANNELLO 5B: Vulcani in Italia: il Vesuvio - La cartografia geologica ufficiale
PANNELLO 5C: I Vulcani in Italia: il Vesuvio - Dal Progetto CARG alle carte di rischio vulcanico

PANNELLO 6A: Taranto - Gli albori della cartografia geologica
PANNELLO 6B: Taranto - La cartografia geologica ufficiale
PANNELLO 6C: Taranto - La geologia marina: un fondamentale requisito di conoscenza per le città portuali
 

Exhibition panels in English language

PANEL 1A: The contribute of the Geological Society of Italy to the International Map Year
PANEL 1B: Geological maps: how they are made
PANEL 1C: Stepping through geological maps

PANEL 2A: Po Plain Early days of cartography
PANEL 2B: Central Alps: the Austroalpine units The official Italian geological maps in the XX Century
PANEL 2C: Central Alps: the Austroalpine units From typographical maps to digital databases Understanding geological processes in the XXI Century

PANEL 3A: Po Plain - The official geological maps
PANEL 3B: Po Plain - The official geological maps
PANEL 3C: Po Plain - Earthquake liquefaction studies and subsurface geology

PANEL 4A: Central Apennines: the Fucino and L'Aquila areas - Early days of cartography
PANEL 4B: Central Apennines: the Fucino and L'Aquila areas - The official geological maps
PANEL 4C: Central Apennines: the Fucino and L'Aquila areas - From the CARG project to seismic microzonation

PANEL 5A: Volcanoes in Italy: Vesuvius Early days of cartography
PANEL 5B: Volcanoes in Italy: Vesuvius The official geological maps
PANEL 5C: Volcanoes in Italy: Vesuvius From the CARG project to volcanic hazard maps

PANEL 6A: Taranto - Early days of cartography
PANEL 6B: Taranto - The official geological maps
PANEL 6C: Taranto - Sea-bottom geology: a fundamental knowledge-requirement for seaside towns

Ultimo aggiornamento: